Il nuovo Blog di News Online

Autore: Redazione

Cos’è il secondo Layer nelle Criptovalute

Quando stiamo minando delle Criptovalute, bisogna effettuare una connessione piuttosto complessa, che va dal nostro PC all’intero “Pool” di persone che stanno minando la stessa moneta digitale del quale siamo interessati. Alla fine di questo calcolo vi è sempre una procedura di verifica, per vedere se i problemi risolti sono reali. Questo passaggio può impiegare il suo bel tempo, e come tale può provocare dei rallentamenti (così come un aumento dei costi per valuta guadagnata).

Ovviamente questo cambia anche in base alla piattaforma utilizzata. Solitamente una valuta basata su Bitcoin potrà elaborare fino a 7 transazioni al secondo, mentre con l’Etherium queste aumentano fino a 14. Considerando però l’incredibile crescita che vi è stata negli ultimi anni, si ha raggiunto la realizzazione che questa velocità è a dirsi poco insufficiente, e bisognava perciò cercare una soluzione per incoraggiare gli attuali minatori ed investitori a rimanere attivi.

 Layer 2

 Consideriamo il primo Layer (o strato/livello) come il normale passaggio richiesto per ogni tipo di transazione tipica. Questo passaggio va esattamente dal punto A al punto C, di cui il punto B è la verifica della transazione effettuata.

E’ proprio in questo “Punto B” che può intervenire il Layer 2. Se il numero di transazioni eccede una certa quantità di traffico, entrano in azione tutte le metodologie di cui dispone il secondo livello. Queste sono le Rollups, Sidechains e Channels. Sistematicamente questi sistemi funzionano così:

-Le Rollups memorizzano le transazioni effettuate durante i periodi di traffico intenso, mettendole da parte e rilasciandole di nuovo nel “Punto B” quando il traffico si sarà normalizzato.

-Le Sidechains sono un canale secondario a quello principale, dal quale è possibile continuare ad effettuare i calcoli e procedere perciò con i risultati verso il “punto C”.

-I Channels, o i canali, sono un opzione aggiuntiva che ha funzione simile alle Rollups ma invece di mettere la transazione in pausa ne continua comunque i calcoli – anche se in maniera più semplificata e diretta.

Questo però rende ovvia anche una domanda: perché non aumentare semplicemente il limite di transazioni con il quale un sistema è capace di fare le sue verifiche? La risposta rientra nelle tre ragioni che compongono un sistema di Criptovalute: Decentralizzazione, Scalabilità e Sicurezza. Questi sono quegli aspetti che vanno rispettati regolarmente, e richiedono naturalmente un elaborazione raffinata e perciò lenta. Per questo si creano tutte queste varianti per sviare il traffico o conservarne appunto la genuinità.

I benefici della meditazione

Probabilmente chi si è avvicinato alla pratica della meditazione lo sa già bene, ma è stato confermato anche da alcuni studi scientifici: meditare fa bene e farlo regolarmente per almeno 10/20 minuti al giorno apporta notevoli benefici, aiutando non solo a sentirsi meno stressati e più concentrati ma anche, in alcuni casi, a ridurre il dolore fisico. Spieghiamo dunque qui di seguito quali sono i principali benefici della meditazione, e perché tutti noi dovremmo praticarla giornalmente.

Un rimedio naturale contro ansia e depressione

Meditare anche solo mezz’ora al giorno può aiutare considerevolmente chi soffre di ansia e depressione: riduce il livello di stress, libera la mente, e addirittura, secondo uno studio condotto presso la Hopkins University School, può avere effetti paragonabili a quelli dati dall’utilizzo di determinati farmaci antidepressivi.

Potenzia il sistema immunitario

Un altro studio scientifico eseguito su un gruppo di circa 150 pazienti ha dimostrato che una meditazione giornaliera può persino riuscire a rinforzare le difese immunitarie, prevenendo dunque influenze e infiammazioni di vario tipo.

Funziona come un antidolorifico naturale

La scienza ha confermato con un test su alcuni volontari che meditare può rivelarsi davvero molto utile anche nella diminuzione del dolore fisico, senza la necessità di ricorrere a farmaci antidolorifici. 

Migliora la concentrazione

Il rilassamento indotto dalla meditazione, e da tutte le altre tecniche che mirano a questo scopo, riuscirebbe addirittura ad apportare reali cambiamenti fisici al cervello, un ispessimento della materia grigia riscontrato mediante risonanza magnetica su un gruppo di persone: di conseguenza si avrà un miglioramento della memoria, della concentrazione e della consapevolezza di se stessi. Gli studi sono stati effettuati presso l’Università di Harvard.

I bitcoin in questo inizio di 2022

In questi primi mesi del 2022, è in forte aumento l’interesse ad investire in cripto valute e verso le società che operano anche con moneta virtuale.

La disponibilità di bitcoin sui mercati attuali

La forte domanda di cripto valuta ha causato una scarsità di offerta e questo ha causato varie problematiche, ma non ha scoraggiato i tanti investitori interessati a scambiare ed investire in bitcoin.

La scarsità di cripto moneta ha innescato, su tutte le piattaforme di Exchange (compravendita di criptovalute), una forte domanda, che però non è stata bilanciata da altrettanta offerta, in quanto i fondi disponibili si erano quasi esauriti.

Quali sono le prospettive in questo momento

Sono molti gli analisti che stanno cercando di dare una spiegazione a questo fenomeno, con mirate analisi finanziarie studiando gli scambi di bitcoin effettuati nei vari portali che trattano asset digitali e tra questi anche le monete virtuali.

Dall’analisi, intanto si è capito che il calo complessivo delle riserve si è concentrato soprattutto alla fine del passato 2021 e tale situazione porterà, con molta probabilità, ad un aumento del valore dei bitcoin, soprattutto nel corso del primo trimestre di quest’anno.

Cosa possiamo comprare con i bitcoin?

Anche l’apertura di tante società verso l’utilizzo di cripto valute è un altro indicatore di come questa tendenza sia orientata verso una crescita.

Ad esempio, la piattaforma di prenotazioni on-line Airbnb sta inserendo, tra le modalità di pagamento, l’utilizzo di bitcoin. Così come Visa, o tante altre società che hanno iniziato a guardare con interesse il mondo delle criptovalute.

Dall’esame di tutti questi indicatori, questa può essere un’occasione di iniziare a pensare ad investimenti in Bitcoin, utilizzando una delle tante piattaforme di scambio di cripto valuta oggi presenti in rete.

Mai scongelare il cibo con l’acqua calda ecco perché

Conservare il cibo in congelatore è una buona abitudine: permette al cibo di non rovinarsi in fretta e dare così la possibilità di consumarlo in un altro momento. Alla fin dei conti, un’idea che non è poi così male, finché non viene l’ora di scongelare il cibo. Qualsiasi tipo di alimento, dalla fetta di carne all’intero pollo, ha bisogno d’un certo tempo per scongelarsi. Ma c’è chi consiglia attualmente qualche modo per scongelarlo in fretta, senza metterlo inutilmente al contatto con l’aria e rischiare così di rovinarlo. Questo consiglio riguarda usare l’acqua bollente, per fare in modo di scongelare rapidamente qualsiasi tipo di cibo.

Un metodo pericoloso, vediamo perché

In verità, questo metodo è molto pericoloso, specialmente per quel che riguarda i cibi d’una certa dimensione. Mettendo da parte ovviamente il pericolo che concerne l’acqua stessa (il quale di certo non può raggiungere la temperatura necessaria per eliminare ogni singolo batterio, o elementi stessi pericolosi che possono essere presenti) quel che si ottiene tramite questa procedura è solo lo scongelamento del cibo in superficie, e non al suo interno. A questo punto uno può dire tranquillamente: lo si può sciacquare più a lungo finché anche il centro non si scongela, no? Ma facendo ciò si espone la parte scongelata all’invasione di batteri, il quale inizierà ad essere contaminata. Aggiungendo questo all’incertezza di quanto può essere pura l’acqua di rubinetto, non si può mai dire che il cibo che consumiamo in seguito sarà d’una qualità accettabile.

La possibile alternativa

Ecco perciò cosa potete usare per scongelare velocemente qualsiasi tipo di cibo: il forno a microonde. Molti di questi elettrodomestici hanno proprio una funzione “Defrost” che permette di scongelare qualsiasi cosa in tempi piuttosto brevi. Questo inoltre ha il suo bel vantaggio di offrire anche un cibo che può essere (e dovrà essere) cotto immediatamente dopo che questo è stato scongelato. Altrimenti, bisogna sempre ricordarsi di mettere fuori il cibo a scongelare molto più prima, preferibilmente in un contenitore coperto con nessun contatto con l’aria. Un altro mezzo è quello di utilizzare il forno normale, ma impostato naturalmente alla minima temperatura possibile. Questo può accelerare lo scongelamento con rischi minimi, ma può guastare la qualità del cibo in generale.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén