Il nuovo Blog di News Online

Mese: Gennaio 2022

Agostino Iacovo al top della comunicazione outdoor

Abbiamo fatto la conoscenza di Agostino Iacovo, imprenditore italiano alla guida delle aziende di concessione di spazi pubblicitari outdoor Publidei e Genesis Group. In occasione di un recente evento di inizio anno, l’imprenditore ha confermato la realizzazione dei pronostici dell’anno precedente.

Agostino Iacovo è un imprenditore italiano, amministratore di Publidei s.r.l. (http://www.publidei.com/) e presidente del complesso aziendale del gruppo Genesis Group (https://www.genesis-group.it/). Entrambe le aziende offrono servizi alla concessione di spazi pubblicitari outdoor e all’organizzazione di eventi: Publidei, con sede a Rende, opera principalmente sul territorio regionale gestendo l’80% del parco impianti pubblicitari in Calabria, mentre Genesis Group, con sede a Milano, opera su scala nazionale e si occupa di grandi impianti pubblicitari e cartellonistica con annessa organizzazione dell’advertising. Grazie all’esperienza del suo staff ed ai brillanti risultati ottenuti, Genesis Group assiste importanti clienti come Mercedes-Benz e Reneé Blanche (https://www.reneeblanche.it/); di quest’ultima, in particolare, ne rappresenta il marketing in Italia e all’estero, gestendo anche le pubblicità sulle reti Rai e Mediaset.

Le mie aziende sono altamente specializzate nella comunicazione outdoor ed offrono soluzioni che vanno dai grandi formati ai mobili – ha dichiarato Agostino Iacovo in una intervista recentemente pubblicata sul web. “Le linee di prodotto del parco impianti delle mie aziende sono specifiche per la comunicazione d’impatto ed emozionale e rappresentano al meglio le esigenze pubblicitarie degli inserzionisti”. Di Agostino Iacovo abbiamo letto una serie di articoli, pubblicati presso blog e riviste di settore, riguardanti i temi della comunicazione per grandi imprese e della pubblicità a trecentosessanta gradi. Abbiamo fatto la conoscenza di un professionista appassionato, poliedrico e grande conoscitore del mercato in cui opera con umiltà e dedizione. “Sono fatto così, le mie origini provengono da una famiglia umile e ho costruito le mie aziende partendo da zero, acquisendo esperienze prima come impiegato e poi come imprenditore”, conclude Agostino Iacovo.

A proposito dell’evento Genesis Group con Agostino Iacovo

L’8 gennaio 2022 presso la Tenuta Contessa di Montalto Uffugo in provincia di Cosenza si è tenuto l’annuale evento di Genesis Group srl, durante il quale si è fatta una panoramica dei traguardi raggiunti e celebrate le motivazioni di tutto il gruppo di lavoro. In particolare, sono state premiate le migliori performance del reparto commerciale che, attraverso le strategie di vendita di prodotti e servizi, ha reso possibile la realizzazione dei pronostici dell’anno precedente, con la collaborazione della professionalità e della tenacia di tutto lo staff. Agostino Iacovo, nel ruolo di presidente del complesso aziendale, ha affidato la preparazione dell’evento a validi presentatori e superlative regie presso una location sempre nuova in un’atmosfera spettacolare e magica ogni anno. Resta lui il vero protagonista dell’evento, l’attore principale, il motore incontrastato dell’unione. “Ho sempre sostenuto con fermezza i vantaggi del gioco di squadra – ha affermato Agostino Iacovoin azienda sono apprezzato per la saggezza e per la capacità di sistemare ogni azione in funzione del raggiungimento di tutte le prerogative aziendali. E’ molto importante trasmettere al mio gruppo la passione per il lavoro, vero valore aggiunto che genera la differenza”. Per saperne di più: potete contattare Genesis Group attraverso i riferimenti che trovate in questa pagina web.

Altre foto dall’evento Genesis Group Gennaio 2022 con Agostino Iacovo:

 

Compendium Value: recensioni di 4 romanzi da leggere assolutamente!

La rubrica letteraria del blog di Compendium Value ci regala queste belle recensioni di grandi classici americani che gli appassionati di letteratura moderna conosceranno sicuramente. I ragazzi di Compendium Value garantiscono che non ci sono spoiler, quindi…buona lettura!

4 romanzi classici americani da leggere assolutamente

La letteratura americana è multiforme e di difficile definizione. Per molto tempo, infatti, si è parlato di “Grande Romanzo Americano” per intendere un prodotto autonomo di un territorio, ma in realtà la letteratura americana è sempre stata il frutto di molteplici influenze. Quello che è certo, al di là del fatto che l’America sia un continente letterario ancora ricco, è che alcuni romanzi sono considerati dei capolavori da leggere assolutamente almeno una volta nella vita. 

Il Grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald

Nell’America degli anni ’20, il narratore, Nick Carraway, lascia il nativo Midwest per stabilirsi a New York e imparare il mestiere di agente di cambio. Nick si trasferisce nel quartiere di West Egg a Long Island. Un sobborgo chic dove il suo vicino più prossimo, Jay Gatsby, organizza feste sontuose nella sua non meno sontuosa villa. Gatsby è un personaggio misterioso. Alcuni sostengono che fosse una spia tedesca durante la prima guerra mondiale. Altri hanno sentito che sta svolgendo attività discutibili. In ogni caso, nessuno sa davvero da dove provenga la sua fortuna. Divenuto presto amico e confidente di Gatsby, Nick capisce soprattutto che se quest’uomo moltiplica gli stravaganti ricevimenti, è per attirare a casa la bella Daisy Buchanan, una giovane fidanzata ora sposata con un altro e che desidera ardentemente riconquistare.

Il Grande Gatsby è il capolavoro di Fitzgerald. Un romanzo da annoverare tra i classici della letteratura americana. È soprattutto una satira pungente di quella società ossessionata dalla fama e dal denaro. La storia è attraversata dall’amarezza, dalla malinconia e dalla constatazione della vacuità dell’esistenza. L’ombra del disincanto aleggia sul personaggio di Gatsby. Rappresenta una specie di uomo-bambino cullato dalla nostalgia dei suoi amorosi ricordi di prima della guerra.

La costruzione del romanzo e la sua suddivisione in nove capitoli non sono casuali. Nei primi quattro Fitzgerald celebra la giovinezza, la speranza, lo scintillio della festa. Nei capitoli dal sesto al nono, la malinconia vince. Gatsby realizza il suo sogno, ma perde le illusioni, il dramma prende forma, piove quasi sempre. Il cambio di atmosfera è radicale. Tra queste due parti molto diverse c’è il 5° capitolo, il punto centrale in cui tutto cambia. È quella della riunione tra Gatsby e Daisy, quella da cui l’amante trafitto scivolerà lentamente verso il suo destino fatale.

Fitzgerald ha scritto il suo romanzo mentre era in Francia, in un momento in cui Zelda, l’amore della sua vita, lo tradiva con un altro. Una situazione che lo spingerà in una crisi sentimentale estrema. Dichiarerà anche: “Ho strappato il magnifico Gatsby dalle mie viscere in un momento di angoscia”. Cosa ricordare di questo magnifico testo? Forse semplicemente una verità troppo spesso verificata: “Tutto crolla quando un sogno inseguito da anni diventa realtà.

Il Vecchio e il Mare di Ernest Hemingway

La storia inizia, casualmente, con la storia di un vecchio pescatore cubano, Santiago, che si guadagna da vivere con il suo lavoro. Da più di ottanta giorni non riesce a pescare nulla. Durante i primi quaranta giorni è aiutato da un ragazzo, finché i genitori gli vietano di pescare con lui perché troppo sfortunato. Poi un giorno, il vecchio parte per il mare da solo e improvvisamente, fa una cattura incredibile: un gigantesco marlin. Combatte per giorni e giorni con questo pesce, che diventa suo pari. E dopo la lotta furiosa riesce a ucciderlo, se non fosse che, lungo il tragitto per il porto, il pesce viene divorato dagli squali e Santiago non resta che un’enorme lisca.

Hemingway ci fa sentire meglio di chiunque altro il viaggio del suo uomo sacro. Descrive un oceano selvaggio, vivo, violento. Attraverso la semplicità delle parole, ci tuffiamo nel solitario mondo del mare, tra rispetto e lotte bestiali. La calma, il dolore, poi la gioia, il sollievo e infine la frustrazione. Legge ancora sul blog di Compendium Value:

Breve ma potente. Del resto, “Il Vecchio e il Mare” valse a Hemingway il Premio Pulitzer nel 1953.

Moby Dick di Herman Melville

Moby Dick è il più formidabile dei romanzi d’avventura! È considerato, infatti, un capolavoro della letteratura americana. La storia è semplice e nota a tutti, la balena bianca Moby Dick (in realtà è un capodoglio) ha preso la gamba di Achab. Per questo motivo, Achab è roso da un’idea incurabile: deve vendicarsi di Moby Dick. Dall’inizio del romanzo, viene annunciato il terribile destino del Pequod (la baleniera comandata dal capitano Achab) e del suo equipaggio. La forza di Moby Dick è ovviamente il suo potere simbolico, un uomo insegue questi demoni rappresentati da un capodoglio bianco, simbolo di purezza se ce n’è uno, e la sua ricerca di vendetta finirà per distruggere lui e gli uomini al suo seguito. Tutti possono trovare qualcosa da dire o pensare su un argomento del genere. Ma Melville non si ferma qui e nel suo testo tratta una moltitudine di temi (il rapporto dell’uomo con Dio, la forza del destino…) e sonda le profondità dell’animo umano. Il capitano Achab è probabilmente uno dei personaggi più profondi della letteratura, un nuovo Edipo che lotta contro la profezia.

Sulla Strada di Jack Kerouac

Da molti definito un libro cult e non a caso… On The Road di Jack Kerouac è spesso descritto come la pietra angolare del movimento letterario della Beat Generation. Questo movimento, che rifiutava i valori tradizionali e puritani dell’epoca, riunisce principalmente un intero gruppo di amici, tra cui molti scrittori. Lo troviamo nel romanzo di Kerouac, ogni personaggio è vicino all’autore. E, naturalmente, l’eroe di On the road, Sal Paradise, non è altri che Kerouac.

Il libro ripercorre le peregrinazioni di Sal Paradise attraverso l’America nei primi anni 1950. Nel corso dei suoi viaggi tra New York, Denver e San Francisco, il giovane Sal stringe un’amicizia fraterna con uno dei suoi compagni di avventura, Dean Moriarty. Le avventure di Sal lo riportano sempre, volontariamente o meno, all’amico, la mitica figura del vagabondo.

Questo viaggio iniziatico è una meravigliosa storia sull’evoluzione di un giovane adulto. Il Sal all’inizio del libro è ingenuo, timido e cerca di seguire il flusso. Forgiato dai suoi viaggi, dai suoi incontri e dalle sue riflessioni, si emancipa, smette di idealizzare il suo grande amico e forgia il proprio progetto.

La scrittura di questo libro è ricca di colpi di scena. L’autore l’avrebbe scritta in tre settimane, sotto anfetamina, su un unico rotolo di 36 metri e senza punteggiatura per risparmiare spazio. Scritto nel 1951, il libro non trovò acquirenti presso la casa editrice Viking Press fino a sei anni dopo. Il manoscritto, sia nella forma che nel contenuto, si è infatti rivelato impubblicabile. Il maccartismo infuriava e nessun editore voleva essere associato a una storia di sesso, droghe e libertà. 

Questa censura ha costretto Kerouac a riscrivere la sua storia. In fondo, il libro è una bella storia di libertà attraverso un lungo viaggio di iniziazione. Dall’altro, è la storia di un compromesso durato sei anni per annacquare un’opera, poi eretta dalla cultura popolare in celebrazione della spontaneità e dell’impudenza. Il compromesso è presente anche nella sete di libertà dei due personaggi principali Sal e Dean. Mentre il primo finalmente accetta di adeguarsi, il secondo è consumato da questo insaziabile bisogno. Anche l’alter ego di Sal finisce per piegarsi per essere pubblicato. Alcuni troveranno saggezza in questo. Altri lo vedranno come un tradimento.

Questo romanzo quasi autobiografico è una bellissima storia di amicizia, quella del giovane Sal e del carismatico Dean. Non soffrendo di tempi morti, lo stile frenetico di On the Road ne fa un’opera difficile da sganciare. Invitando tutti a seguire le proprie aspirazioni, Kerouac forse non è il rivoluzionario che ci viene presentato, ma un uomo saggio.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén